L’importanza sottovalutata di sole e luce

Life

Molti di noi si concentrano, giustamente, su alimentazione e allenamento nel tentativo di migliorare la salute attraverso aggiustamenti nel nostro stile di vita.

Tuttavia ci sono degli imperativi biologici a cui non possiamo scappare e precedono l’allenamento e l’alimentazione, anche se per molti sono scontati.

Poco tempo fa ho scritto un articolo sull’importanza del sonno. Senza prima regolare quello, cambiare alimentazione e allenamento potrebbe essere una strategia poco efficace o parzialmente efficace. Oggi invece vorrei parlare di quanto la luce solare influenzi la nostra biologia e cosa succede quando non ci esponiamo sufficientemente alla luce naturale.

Lo stile di vita attuale ci porta a stare gran parte dell’anno senza luce solare naturale.

In inverno ci svegliamo prima del sorgere del sole, trascorriamo la maggior parte della giornata in ufficio esposti alla luce artificiale e torniamo a casa al tramonto o quando è già buio.

Bene, la mancanza di luce solare è spesso causa di scoraggiamento, apatia, stanchezza ingiustificata e persino depressione che di solito non si manifestano in altri periodi dell’anno.

Eppure possiamo evitarlo perché oggi ci sono lampadine e dispositivi artificiali che imitano la luce solare e hanno le loro proprietà.

Da quando nel 1879 Thomas Alva Edison perfezionò la lampada a incandescenza la vita della maggior parte della popolazione mondiale è diventata un fenomeno che, essenzialmente, si verifica all’interno delle pareti degli edifici dove viviamo o lavoriamo e quindi scandita dall’illuminazione artificiale.

Infatti, mentre 100.000 anni fa l’uomo trascorreva il 90% del suo tempo all’aperto, noi oggi possiamo parlare, quando va molto bene, del 10%.

I cittadini dei paesi “industrializzati” sono a malapena all’aria aperta. Spesso ci alziamo anche prima dell’alba, trascorriamo quasi tutto il giorno nel nostro ufficio (di solito scarsamente illuminato) e torniamo a casa con il tramonto o addirittura, di notte senza aver trascorso un solo minuto sotto la sana radiazione della luce solare.

Questo è qualcosa che secondo molti studi scientifici influisce negativamente sulla nostra salute. Oggi finalmente la scienza ha confermato ciò che era già noto d millenni: che la luce solare è necessaria alla vita.

Semplicemente, la vita dipende dalla luce solare e molti processi naturali sono governati da essa…e gli umani non fanno eccezione.

L’IMPORTANZA DEL SOLE

Dio, veicolo di contatto con le divinità, strumento di guarigione, donatore di vita, ecc.

Da tempo immemorabile gli umani hanno considerato il sole come un elemento centrale della creazione.

Per quanto riguarda il suo uso come elemento terapeutico, è noto che i bagni di sole erano molto diffusi già nell’antico Egitto. Stessa cosa in Grecia e a Roma.

Tuttavia, nei primi secoli della nostra era, la conoscenza della luce e dei suoi effetti benefici fu abbandonata. Era proibita dalla Chiesa cattolica in quanto intesa o associata ai “culti pagani del sole”.

Questa conoscenza non sarebbe stata recuperata fino alla metà del diciassettesimo secolo. Fu allora che Jean-Jacques Rousseau propose il necessario “ritorno alla natura” che, tra le altre cose, consisteva nell’andare all’aperto ed esporsi al sole.

Successivamente, il periodo tra il 1859 e il 1890 fu particolarmente fruttuoso in termini di conduzione di studi e ricerche sulla luce naturale e sui suoi effetti sul corpo umano.

Ad esempio, in quegli anni si è appreso che il nostro corpo ha bisogno del sole per mantenere il suo equilibrio. Ma anche che la luce blu ha un effetto particolarmente positivo sul sistema nervoso.

A prova di quanto detto poc’anzi, i pazienti affetti da tubercolosi venivano inviati in Svizzera per essere curati con successo nei “centri termali leggeri” costruiti dal Dr. Rollier e Poncet.

Sempre in quel periodo storico (nel 1877) il Dr. Downes Blunt mostrò che la luce solare è in grado di distruggere i batteri.

Qualche tempo dopo, nel 1903, il medico danese Nils Finsen vinse il Premio Nobel per il suo successo nel trattamento della tubercolosi cutanea con raggi ultravioletti e per questo motivo è considerato il fondatore della Fototerapia.

Più tardi le scoperte del medico e biofisico russo Alexander G. Gurtwitsch nel 1922 avrebbero dato origine a quella che poi, nel 1975, sarebbe stata conosciuta come Teoria dei biofotoni (i fotoni sono i componenti dell’energia quantistica della luce; quando sono in relazione con sistemi biologici – piante, animali o persone – sono chiamati biofotoni).

Il primo a studiarli a fondo fu il Dr. Fritz Albert Popp, direttore dell’Istituto di biofisica di Kaiserslautern (Germania), per il quale i biofotoni, e quindi la luce, comunicano con gli esseri viventi attraverso le loro cellule affermando che “l’origine di tutte le malattie può essere ricercata in una mancanza di luce nelle cellule”.

Ritornando ad un esperimento di Gurtwitsch incompleto, Popp mostrò che i difetti nell’informazione genetica del nucleo di una cellula possono essere “riparati” in poche ore se questa viene sottoposta ad una debole radiazione di luce blu-violetta.

Da quei saggi ed i successivi sono state tratte conclusioni che ora sono accettate dalla comunità scientifica, vale a dire: tutte le cellule sono direttamente correlate alla luce solare; in tutte loro c’è luce ed emettono la propria luce; tutte le cellule ricevono informazioni dalla luce naturale; e, infine, la luce regola non solo la funzione cellulare ma anche altre importanti funzioni del corpo.

CONNESSIONE TRA SOLE E SALUTE

Finlandia e Norvegia, paesi con inverni prolungati senza luce, hanno i più alti tassi di depressione e suicidi in tutto il mondo.

Possono essere esempi di quanto la quantità e la qualità della luce che percepiamo influiscano sul nostro umore e sulla nostra salute.

Come appena detto, la scienza ha dimostrato che la luce solare influenza molteplici processi biologici umani incidendo principalmente sui sistemi endocrino, nervoso e immunitario.

Pertanto, qualunque sia la natura e la dose di luce che raggiunge l’occhio determina l’invio corretto o errato delle informazioni al sistema nervoso centrale all’endocrino e all’immunitario.

A questo proposito, la scoperta del medico ungherese Albert Szent-Györgyi (vincitore del premio Nobel per la fisiologia e la medicina nel 1937 per l’isolamento della vitamina C) dove ha dimostrato che molti enzimi e ormoni sono colorati e sensibili alla luce è molto significativa.

La luce influenza anche il processo di rigenerazione cellulare poiché questo tipo di energia si trova in tutte le cellule viventi e funziona come un sistema di conduzione.

D’altra parte, gli occhi sono gli organi sensoriali più importanti per ricevere informazioni dal mondo esterno. Per questo motivo la retina contiene almeno 4 dei 6 neurotrasmettitori più importanti.

Tutto ciò spiega come una scarsa illuminazione può causare cambiamenti di umore e comportamento, prestazioni inferiori, mancanza di concentrazione e attenzione, intensa sensazione di stress, ansia, irritabilità, disturbi del sonno, mal di testa, vertigini, malessere e stanchezza o affaticamento ingiustificato.

Allo stesso modo, si ritiene che la mancanza di luce possa aggravare o essere la causa di disturbi come la sindrome premestruale, l’infertilità o impotenza e frigidità.

LA “DEPRESSIONE INVERNALE”

La cosiddetta “depressione invernale” è stata definita nel 1981 dal Dr. Rosenthal che l’ha descritta come “disturbo affettivo stagionale”, tipico delle nostre latitudini.

Secondo Rosenthal, questa condizione (a causa della mancanza di una quantità adeguata e necessaria di luce naturale) si presenta normalmente con apatia, mancanza di energia, appetito eccessivo e stato depressivo sebbene i sintomi possano essere molto diversi e difficili da riconoscere.

Pertanto, è stato anche osservato umore irritabile, disturbi del sonno e difficoltà nel trattare con gli altri, sebbene sia considerata la mancanza di energia, che inizia a manifestarsi in autunno e continua durante i mesi invernali, come l’elemento più determinante e caratteristico.

È comune che tutti questi sintomi vengano trattati con antidepressivi. Ma per il dottor Rosenthal “una mancanza di luce o un’alterazione dei ritmi circadiani determinati dalla mancanza di luce può essere combattuta solo con la luce”.

La spiegazione è semplice: la luce è responsabile della produzione e della rigenerazione ormonale e quindi influenza il nostro umore, fisico e mentale.

Ecco perché è importante che le persone depresse o che attraversano momenti di scoraggiamento cerchino e utilizzino consapevolmente l’effetto rivitalizzante della luce naturale in qualsiasi momento dell’anno, specialmente nei mesi autunnali e invernali.

ILLUMINAZIONE INSUFFICIENTE

Proprio nei mesi invernali è facile vedere come aumentino le percentuali statistiche di depressione e crisi d’ansia.

La spiegazione è, secondo gli esperti, che normalmente trascorriamo l’85% del nostro tempo in questi mesi rinchiusi. Ciò a causa del freddo, delle condizioni meteorologiche e della mancanza di luce e a malapena vediamo il sole.

Cioè, trascorriamo le nostre vite senza una quantità di luce adeguata.

Le nostre case, uffici, scuole, ospedali, ecc, sono scarsamente illuminati e la luce naturale non li raggiunge a sufficienza.

Per chiarire meglio, aggiungerò che l’uomo ha bisogno di un minimo di luce di intensità compresa tra 800 e 1.000 lux. In questo modo che la ghiandola pineale inibisca la secrezione di melatonina (l’ormone del sonno) e secreti serotonina e dopamina (ormoni dell’attività).

Bene, in ambienti chiusi le lampadine di solito hanno un’intensità tra 100-200 e 300-500 lux. Questi valori sono molto bassi rispetto ai 10.000 lux che la luce naturale ci porta anche se il giorno è nuvoloso o i 150.000 di un mezzogiorno estivo soleggiato.

Pertanto sono intensità di luminosità insufficienti che non consentono di superare la sonnolenza e di essere animati e mentalmente svegli.

Dover lavorare, studiare o vivere con questa illuminazione inappropriata richiede un grande sforzo da parte degli occhi e del cervello. Ciò significa dover avere maggiore concentrazione e attenzione e causare stress aggiuntivi non necessari e non salutari.

Inoltre, in ambienti chiusi l’illuminazione è biologicamente insufficiente. Tanto insufficiente da provocare una sensazione di pessimismo, affaticamento e sonno che può persino modificare i normali ritmi circadiani.

LUCE ARTIFICIALE, COME STAR BENE…

Fortunatamente, grazie ai numerosi studi effettuati, oggi c’è una maggiore e migliore consapevolezza dell’importanza di lavorare e vivere con una luce adeguata.

La luce del giorno, quella naturale prodotta dal sole, consiste in un ampio e continuo spettro di radiazioni, quindi un’illuminazione artificiale adatta all’uomo dovrebbe rispecchiare quella solare.

Pionieri in questa idea furono i dottori John Otty Fritz Hollwich. Si tratta di due dei più noti esperti internazionali in questo campo. Negli anni ’30 erano interessati a ottenere una fonte di luce che imitasse il più possibile lo spettro della luce solare.

A quel tempo, e dopo aver condotto numerosi esperimenti, Otty arrivò ad affermare: “Abbiamo finalmente scoperto che la luce è un prodotto alimentare come il cibo e che una luce inadeguata può farci ammalare proprio come una cattiva alimentazione, al contrario, un’illuminazione adeguata può mantenerci in salute”.

Dopo questi primi risultati, si sono concentrati sullo sviluppo di lampade fluorescenti o lampadine che sono riuscite a produrre un’illuminazione bianca pura simile a quella del sole e che conteneva le lunghezze d’onda dei diversi colori dell’arcobaleno.

I primi prototipi di queste lampade furono utilizzati in astronavi e sottomarini. In luoghi completamente ermetici in cui l’unica illuminazione possibile è artificiale (per contrastare i problemi di salute legati alla mancanza di luce naturale tra gli equipaggi sottomarini e l’equipaggiamento di astronauti).

Dall’osservazione del miglioramento della salute di queste persone e quindi gli effetti benefici documentati questa tecnologia viene tutt’oggi impiegata dalla NASA.

SPETTRO COMPLETO=LUCE SANA

Oggi le lampade progettate da Ott e Hollwich sono chiamate a “spettro completo”. Vengono utilizzate non solo per illuminare gli interni in modo sano, ma anche come “terapia della luce” al fine di trattare vari disturbi correlati alla mancanza di luce naturale.

Qualunque sia il loro uso, la chiave è che arrivano a stimolare, attraverso la retina, i neurotrasmettitori cerebrali e fornire al corpo l’intensità di luce necessaria e adeguata affinché i sistemi endocrino, nervoso e immunitario funzionino a pieno regime. Anche in questo aspetto della biologia, come in allenamento, l’Intensità, e non il Volume, riveste l’aspetto più importante.

Queste lampade producono una luce simile fino al 97% a quella naturale proveniente dal sole.

La differenza è che emettono una radiazione ridotta di raggi ultravioletti eliminando così i potenziali effetti dannosi di quest’ultimi.

Per il resto, si presenta come una tecnologia in grado di produrre uno spettro di luce quasi identico a quello naturale. In grado di trasmettere i colori nello stesso modo in cui si presentano in Natura. Ma anche di generare un effetto biologico stimolante e salutare e di farlo con una qualità di luce omogenea ed equilibrata.

Dal punto di vista medico, questa luce artificiale a spettro completo, continua e uniforme (cioè senza sfarfallio) è stata utilizzata dai primi anni ’80 come terapia, “terapia della luce” o fototerapia poiché è considerata particolarmente adatta per il trattamento di disturbo affettivo stagionale, sindrome premestruale e menopausa, insonnia, ipertensione, asma, depressione e malattie della pelle, nonché uno stimolante del sistema immunitario.

Inoltre, in alcune cliniche specializzate in Germania, la fototerapia viene utilizzata come coadiuvante nel trattamento dei tumori.

In breve, in assenza di luce naturale a spettro completo, queste lampade possono rappresentare un’interessante alternativa per illuminare case. Così come per illuminare luoghi di lavoro, scuole, ecc, con una luce forse non così efficace come quella solare ma, ovviamente, molto più sana dell’artificiale convenzionale.

Per chi può invece farlo, 30 minuti al giorno di esposizione alla luce solare senza abiti (quando possibile). Oppure nei mesi invernali una passeggiata all’aperto di almeno 1 ora, può fare veramente la differenza.

Il passo successivo per continuare un corretto percorso Anti Aging è strutturare il proprio piano alimentare, di eventuale integrazione, di allenamento e di meditazione, così come descritto nel mio ultimo libro Elisir.

Qui di seguito alcuni degli effetti conosciuti derivanti da una bassa esposizione ai raggi solari:

  • Disturbi emotivi
  • Depressione
  • Insonnia
  • Modifiche dell’umore e del comportamento
  • Mancanza di attenzione e concentrazione
  • Stress
  • Ansia
  • Mal di testa
  • Nausea
  • Fatica e stanchezza
  • Mancanza di energia
  • Impotenza sessuale e frigidità
  • Infertilità
  • Sindrome premestruale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *